a cura di Domenico Sanino

Il laboratorio di chimica viene realizzato negli attuali spazi nel 1979, quando viene costruita la nuova ala di via Monte Zovetto. Nella precedente sistemazione si utilizzava un’aula dell’ultimo piano, senza nessuna attrezzatura, dove si custodivano le dotazioni e si effettuava qualche osservazione.

A partire dall’anno scolastico 1979-80 entra in funzione il nuovo laboratorio dotato degli attuali banchi per gli esperimenti sia di biologia sia di chimica.

L’anno successivo, con apposito concorso gestito dalla Provincia, viene assegnato al laboratorio un aiutante tecnico. Vince il concorso il sig. Aldo Damiano, tuttora in servizio.

Nel 1984 viene realizzata anche l’aula di Scienze, la stessa che oggi serve da laboratorio di Biologia. L’aula, collegata all’ufficio di Scienze, serviva per proiezioni (è dotata di oscuramento) e per il regolare insegnamento. Allora non esistevano le sperimentazioni ma solo corsi normali con poche ore settimanali di Scienze Naturali. L’aula consentiva di avere tutto il materiale a disposizione, per cui, durante la lezione, era possibile far osservare i preparati, condurre piccoli e rapidi esperimenti, proiettare immagini o brevi filmati.

Nei primi anni del terzo millennio, a causa del vertiginoso aumento degli allievi, l’aula fu trasferita per far posto ad una classe. Si utilizzò il locale del sottotetto, precedentemente ufficio di Fisica e Biblioteca scientifica, annesso al terrazzo. Questa sistemazione, un po’ precaria, aveva il vantaggio di un collegamento diretto con la Specola, per cui poteva essere utilizzata durante le aperture al pubblico. Oggi il locale è occupato da una classe.